martedì 30 settembre 2014

Ossessioni mensili: Gekkan Shoujo Nozaki-kun, Free!, Jammin' Apollon, Koe No Katachi e altre cosine

Mi dispiaceva non dire neanche due paroline su alcune delle mie ossessioni mensili, così le ho raccolte tutte insieme in questo unico post, la sola cosa che mi dispiace e di non poter parlare di qualche libro (forse perché ne ho già parlato altrove e mi passa la voglia) comunque ho letto davvero poco in questi ultimi tempi, l'ultima lettura che ricordi è Memorie di una geisha (che ho amato, per la cronaca) e mi sto impegnando per terminare L'amore ai tempi del colera che già secoli fa non finii di leggere. Spero che l'idea di unire tutto vi piaccia. Ebbene cominciamo...

GEKKAN SHOUJO NOZAKI-KUN

Cercate qualcosa di demenziale? Qualcosa di poco pesantuccio su cui ridere e scherzare? Allora questo anime fa per voi. La prima genialata sono i personaggi (Mikoshiba è il mio preferito) e poi anche il poco prendersi sul serio in generale; mi spiego meglio, innanzitutto il cosidetto mangaka di shoujo che dovrebbe essere un'esperto in amore è davvero poco preparato in materia (così poco preparato da non accorgersi nemmeno dei sentimenti di Sakura che sono quanto mai evidenti). Poi ci sono dei ribaltamenti che si discostano dai soliti ruoli tipici dei shoujo tra cui il cosidetto senpai (o "senpai notice me, please!!!" se preferite; una delle tipiche situazioni che si presentano nei shoujo), questa volta il senpai non è l'ometto bello e impossibile ma bensì la donna che si dimostra molto più forte caratterialmente degli uomini insicuri di questo anime (tra cui Mikoshiba che è semplicemente adorabile, non a caso Nozaki si ispira a lui per la protagonista femminile del suo manga). E poi mi piacciono troppo gli anime che approfondiscono il mondo dell'editoria per quanto concerne i manga, anche se qui il tema è abbastanza superficiale e non così approfondito come in Sekaiichi Hatsukoi, non a caso qua i manga si disegnano non devono certo fare il lavoro degli editor. Altra scena che dà molto su cui "riflettere" è quella della cosidetta gara di disegno nella quale nessuno dei personaggi sa disegnare un paesaggio (altro tipico luogo comune dei shoujo). Insomma la serie tocca tutti i luoghi comuni e poi li ribalta, creando situazioni demenziali; butto lì un'altro esempio, il principe della scuola è una lei, Kashima ha la tipica personalità da senpai e si candida come secondo personaggio migliore dell'anime. Ovviamente però gli intrecci amorosi (seppur spinti al massimo della demenza) non mancano, già nella prima stagione sorgono le coppie, però era prevedibile anche se Nozaki fa decisamente perdere le speranze a tutte noi donzelle. Spero che arrivi il manga in Italia. Giusto per invogliarvi alla visione vi lascio l'immagine più rappresentativa che abbia trovato:

 https://33.media.tumblr.com/60e8418122dbc277ef8f43f0aa5551bf/tumblr_navybvErmO1qmlqp7o1_500.jpg

Ah e poi ci sono i tanuki...

https://31.media.tumblr.com/c7e79c6e0ddb59f3a32e4990b9d153dc/tumblr_n9qzztstUZ1tss6roo2_500.gif 

FREE! ETERNAL SUMMER

Sì avete pienamente ragione a pensare che Free! sia un cagata, in tal caso avete sofferto di meno. Questa stagione è stata fatta decisamente con il c**o, con ciò non voglio dire che la prima sia un capolavoro, anzi. Però è una questione di gusti e SOPRATUTTO di fangirling dilagante, e io ne ho tanto di fangirling da offrire. Dapprima una puntata con una mega litigata da "sposini" tra Makoto e Haruka, e perciò a quel punto (visto e considerato che Free! chiudeva i battenti con questa seconda stagione) mi aspettavo finalmente una mini confessione o un'abbraccio, ed invece no (spoiler) Haruka va in Australia (giusto perché chiunque scriva ciò doveva fare la "resa dei conti" delle due coppiette, cerco di interpretare le loro menti malate). Poi torna tranquillo in Giappone e chiede scusa a Makoto in aeroporto, una cosina veloce veloce e il vaso di Pandora viene di nuovo richiuso. Però io perdono chi scrive le puntate di Free!, li perdono, perché alla fine Haruka va a Tokyo con Makoto e la cosa mi va più che bene. Ora posso dormire meglio la notte dopo quegli orribili episodi che hanno scritto. Free! è un'anime creato apposta per il fandom è vero ma Makoto è Makoto e io sono una bimbominkia, capitemi ho bisogno di queste cose per campare. Infatti sono già proiettata verso marzo quando uscirà l'episodio extra.

Meanwhile alla casa bianca...


 JAMMIN' APOLLON

Ho cominciato a leggere il manga (e guardare l'anime) spinta dalle tante recensioni positive della blogosfera, e quindi che dire? Va tra i miei preferiti, anche se quel finale con il volumetto extra mi ha fatto un po' storcere il naso, sembra che tutti i pezzi del puzzle vadano al loro posto e non sempre è una cosa gradita. In questo caso sarebbe stato perfetto se fosse finito con il volume numero nove, che lasciava degli interrogativi. Unisce una notevole dose di allegria ma anche di ansie, paure e uno strano senso di nostalgia, in più a tutto ciò si unisce l'amore per il jazz e un poco di storia che non fa mai male. I personaggi sono perfetti e veritieri, mentre l'amicizia tra Sentaro e Kaoru è dolcissima e fa da colonna portante durante tutta la storia. L'anime invece lascia spazio alla colonna sonora, tra la splendida Moanin' (che spesso viene citata nel manga) e anche l'opening è davvero carino (e non dimentichiamoci la cover di My Favorite Things cantata dalla doppiatrice del personaggio di Ritsuko, anche se tra i due personaggi femminili della serie ho preferito Yurika). In più di una scena mi sono commossa com'era prevedibile, ho la lacrima (molto) facile. Detto questo lo consiglio anche perché si tratta solo di dieci volumi, equivalenti a dodici puntate di anime, praticamente una bazzeccola che merita immensamente.

http://i5.mangapanda.com/sakamichi-no-apollon/3/sakamichi-no-apollon-3185939.jpg

GIUSTO UN'ULTIMA COSA:

Koe No Katachi (in corso): io continuo a consigliarlo, a novembre dovrebbe giungere alla sua fine, il manga è è tratto da una one-shot. E' una storia sofferta ma a volte anche felice. Il tema principale è portato "sulle spalle" di una bambina e poi ragazza sorda. Un manga per riflettere e che merita di arrivare in Italia. Parla tra l'altro anche di bullismo, analizzandolo anche nel futuro, è un'argomento molto sentito in Giappone.

Se cliccate sul titolo potete leggerlo sul sito dove viene tradotto in italiano.

INFORMAZIONI DI SERVIZIO:

Colgo l'occasione per informarvi del fatto che attualmente ho una rubrica sul sito SAYLORmag nel caso non lo sapeste, nella quale ho parlato finora di: (500) giorni insieme, Killing Bono, Si alza il vento (che poi ne ho parlato anche qui comunque) e Happy Together. Come prima vi basta cliccare sul nome del sito per curiosare un po'.

Spero di poter scrivere spesso, però ho cominciato a lavorare perciò il mio tempo è quello che che è, la buona notizia è che ho fatto incetta di libri e poi sapete cosa vuol dire lavoro no? Stipendio, e nella mia testa ciò significa che potrò avere una mia piccola indipendenza economica. Evviva!!!

11 commenti:

  1. Leggerti mi fa bene, mi stai facendo voglia di ritornare a guardare anime! - anche perché quella sezione è da un pochetto che non la curo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se a dirti la verità di anime veramente interessanti ne escono pochi. Comunque anch'io ho ricominciato da poco a guardarli sopratutto grazie ad altri blog :)

      Elimina
  2. Il primo anime (non riesco ad imparare il titolo XD) me lo ha consigliato una mia amica e credo proprio che lo proverò! Sembra fuori di melone XD

    A me Free Eternal Summer non è dispiaciuto affatto invece. Il litigio veloce secondo me era dovuto solo all'attacco isterico di Haru, quindi non c'era molto da dire.
    In realtà sono anche io una fangirl di Makoto ghghgh

    Apollon è davvero una bella serie! Ho visto l'anime l'anno scorso e ora sto recuperando il manga *_* non sono patita di shojo, ma questo mi garba parecchio, anche per via dell'ambientazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Makoto perfetto e inesistente appunto sigh :(

      Che tra l'altro ho scoperto che è Watanabe a dirigere la serie *-*

      Elimina
  3. Grazie mille per questi titoli (tutti molto interessanti).. io spero sempre di poter vedere tutto e segno ogni cosa.. è sempre il tempo che mi manca! :s

    RispondiElimina
  4. Il primo anime ispira anche a me, adesso me lo segno nella mia lunghissima e che probabilmente non finirò mai di vedere lista :D Ogni tanto qualcosa di surreale fa bene allo spirito :D

    Free Eternal Summer non l'ho ancora visto, la prima serie non mi era dispiaciuta e di Sakamichi no Apollon avevo visto la serie animata l'anno scorso (mi è piaciuta ma il personaggio della ragazza l'ho trovato tremendamente neutro e inutile. Lei è l'unica poveraccia a non avere sogni, aspirazioni, talenti. Che tristezza ç__ç )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io la penso come te. L'unica donna della serie ad avere sogni e talento è Yurika e proprio per quello preferisco lei. Un vero peccato però perché anche nel manga il suo personaggio è poco approfondito.

      Comunque questa stagione di Free! doveva avere un sottotitolo della serie "eternal suffering" però son contenta che alla fin fine hanno messo tutto a posto xD

      Elimina
  5. Gekkan Shoujo Nozaki-kun sembra bello stupidotto come piace a me.
    Penso che ci darò un occhiata.

    RispondiElimina